lunedì 1 agosto 2011

Una nuova Apocalisse? L'Italia, con 230 mila avvocati, a rischio guerra civile?

Le locuste dell'Apocalisse sono mostruose cavallette, grandi come equini. 

La "Donna Vampiro" è un avvocato femminista messicano
In Italia abbiamo un numero enorme di avvocati, spropositato rispetto alla popolazione. DUECENTOTRENTAMILA
La Francia, che ha una popolazione maggiore dell'Italia, ha solo 10.000 avvocati.

Poiché tutte queste persone avviate alla professione di avvocato devono lavorare, il rischio, in parte gia' realta', è che facciano pressioni sulla politica affinché si creino odiose e disumane condizioni di costante litigio.

Attualmente il settore più colpito in questo senso appare quello delle separazioni dove una causa puo' durare anche piu' di 10 anni, rovinando la vita di persone e bambini coinvolti in false accuse, rivendicazioni di diritti assurdi e insostenibili, scontri di genere (maschi contro femmine e viceversa, artatamente creati attraverso ogni sorta di mezzo.

Il ministro Alfano, a prescindere dalla e dalle posizioni politiche piu' generali, sulla questione sembra avesse fatto la cosa giusta. Nella sua analisi della situazione giudiziaria italiana aveva infatti parlato di "OMISSIONE DI SOCCORSO" qualora il sistema giudiziario fosse srato lasciato alla deriva attuale. Nel nostro paese, inoltre, abbiamo gente rovinata per sempre da separazioni selvagge guidate da avvocati altrettanto selvaggi. 

Gente che non vede piu' i figli, gente che non riesce piu' a lavorare, gente sotto processo per cose mai fatte, gente con i figli alienati, gente con parenti che si sono uccisi e che hanno ucciso per colpa di separazioni che devono produrre reddito a tutti i costi. 

In Italia abbiamo, deve essere sottolineato e ripetuto, abbiamo 230 mila avvocati. Un numero enorme e spaventoso se paragonato a quello della Francia dove ci sono solo 10 mila avvocati. 

Gli avvocati cambino lavoro ma non mettano sotto i piedi l'intero popolo italiano per tutelare i propri interessi.

La Bibbia descrive un episodio che ricorda, con le dovute analogie, l'attuale situazioni delle famiglie italiane,  in questo modo:
« Queste cavallette avevano l'aspetto di cavalli pronti per la guerra. Sulla testa avevano corone che sembravano d'oro e il loro aspetto era come quello degli uomini. Avevano capelli, come capelli di donne, ma i loro denti erano come quelli dei leoni. Avevano il ventre simile a corazze di ferro e il rombo delle loro ali come rombo di carri trainati da molti cavalli lanciati all'assalto. Avevano code come gli scorpioni, e aculei. Nelle loro code il potere di far soffrire gli uomini per cinque mesi. Il loro re era l'angelo dell'Abisso, che in ebraico si chiama Perdizione, in greco Sterminatore. »

http://youtu.be/hDZKeBBSXJE

http://it.wikipedia.org/wiki/Locuste_dell%27Abisso

http://www.libertiamo.it/2011/06/21/affido-condiviso-riforma-ostaggio-delle-lobby/

http://youtu.be/ZH00DKDIg0o

http://www.comunicazionedigenere.com/2011/07/03/italia-batte-francia-230-mila-a-10-e-urgente-chiudere-quella-facolta/

http://www.repubblica.it/persone/2011/06/04/foto/mara_jos_cristerna-17200395/1/

Nessun commento:

Posta un commento