giovedì 18 agosto 2011

Roma, sequestrata e stuprata da quattro romeni

Sequestrata e stuprata dal branco
Quattro in manette per violenza di gruppo

Abbordata alla stazione Termini, la donna è stata rapinata e ha subìto abusi per un'intera notte in un paese vicino Roma. Arrestata la banda di quattro romeni

Un incubo durato una notte intera, meno di 24 ore dopo il Ferragosto. E' quello che ha vissuto una donna straniera di 30 anni, sequestrata, rapinata e violentata da quattro romeni.

Tutto è iniziato alla stazione Termini, dove i quattro hanno abbordato la donna costringendola poi a seguirli in un piccolo paesino di provincia. Lì l'hanno soggiogata e sequestrata per tutta la notte abusando di lei. Solo l'intervento degli agenti della polizia giudiziaria della Polfer di Roma è riuscito ad interrompere l'incubo. La banda è stata arrestata con l'accusa di violenza sessuale di gruppo, sequestro di persona e rapina. Uno di loro è stato anche denunciato per resistenza e lesioni.

L'episodio riporta alla mente lo stupro di gruppo condotto durante la notte di Ferragosto del 2009 a Tor San Lorenzo, litorale sud di Roma. Una ragazzina di 17 anni venne violentata nel ripostiglio di una casetta sulla spiaggia da tre coetanei.

A giugno dell'anno scorso, invece, cinque filippini tra i 19 e i 21 anni sono stati arrestati per aver violentato una 17enne nel parco di Pineta Sacchetti (l'episodio avvenne ad aprile, ma l'arresto due mesi dopo) dopo aver picchiato i suoi amici in un edificio abbandonato.

Sempre a giugno del 2010, è arrivata dalla Corte d'Appello di Roma la conferma della condanna per il branco di quattro romeni che nella notte tra il 21 e il 22 gennaio del 2008 aggredì a Guidonia, paese alle porte della Capitale, una coppia di fidanzati per poi abusare sessualmente a turno della ragazza.

Due mesi prima, ad aprile, venne sgominata una banda di sei romeni, tra cui un minorenne, che avevano aggredito cinque stranieri senza fissa dimora e violentato una donna al parco di Tor Marancia.

"Esprimo a nome mio e di Roma Capitale vicinanza e solidarietà alla giovane ragazza vittima di un'assurda violenza fisica e psichica e confermo la nostra volontà ad offrirle il necessario supporto psicologico affinché possa, per quanto possibile, superare questo trauma". Così in una nota il vicesindaco di Roma Capitale, Sveva Belviso. "Desideriamo infine - conclude Belviso - rivolgere un plauso agli agenti della Polizia Giudiziaria della Polfer di Roma che con tempestività hanno individuato e fermato gli autori di questo folle gesto, ai quali auspichiamo venga comminata una pena adeguata al crimine che hanno commesso".


http://roma.repubblica.it/cronaca/2011/08/18/news/donna_sequestrata_e_stuprata_da_branco_in_manette_4_romeni-20595049/

Nessun commento:

Posta un commento